Vaccino anti-Covid, un’88enne fa causa alla Regione: il motivo è clamoroso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:23

Un’anziana donna di 88 anni voleva farsi somministrare il vaccino anti-Covid, ma qualcosa è andato storto e si è rivolta agli avvocati.

Vaccino anti-covid - immagini di repertorio (Getty Images)
Vaccino anti-covid – immagini di repertorio (Getty Images)

La campagna vaccinale in Italia non sta funzionando. Tra alti e bassi delle regioni, infatti, sono diversi i disservizi lamentati dai cittadini. La storia di questa signora 88enne però ha davvero dell’incredibile. La donna, infatti, è cardiopatica, diabetica ed ha palesemente l’età per vaccinarsi, ma ad oggi non ha ricevuto ancora la tanto agognata chiamata.

La donna è di Cagliari e ha cercato in ogni modo di mettersi in contatto con la Regione Sardegna senza ricevere alcuna risposta. Per settimane ha tentato invano di accedere al portale per ricevere il vaccino, ma senza successo. Alla fine, stanca di questo tira e molla ha preso una decisione clamorosa.

LEGGI ANCHE >>> AstraZeneca: arriva la decisione dell’Ema sul vaccino (VIDEO)

Il vaccino non arriva, l’anziana prende una decisione clamorosa

L’anziana, infatti, ha deciso di fare causa alla Regione Sardegna. I legali della donna hanno depositato in procura una procedura d’urgenza visto il caso particolare per la somministrazione immediata del vaccino. Tante le lamentele mosse dalla donna attraverso i propri avvocati.

L’88enne non ha mai ricevuto l’sms per potersi recare ad un centro vaccinazioni. Inoltre il numero dedicato dalla Regione per questo genere di cose e attivo in teoria dal 1° aprile sarebbe sempre irraggiungibile. L’anziana ha fatto di tutto per ricevere questo vaccino anti-covid. Si è persino presentata alla Fiera di Cagliari per farselo inoculare, ma lì è stata respinta.

Al momento non è stata ancora fornita una data o comunque la sicurezza che verrà vaccinata a breve alla donna. I suoi legali intanto si sono mossi in maniera repentina chiedendo che si intervenga il più velocemente possibile. In fondo la signora è un soggetto fragile e quindi esposta in maniera pericolosa al possibile contagio da covid.