Aveva messo i gioielli in vendita su internet, poi l’amara sorpresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:33

Una donna, spinta dalla crisi economica aveva deciso di mettere in vendita i propri gioielli su internet. Qualcosa però è andato storto.

Gioielli - immagine di repertorio (Google Images)
Gioielli – immagine di repertorio (Google Images)

La crisi economica dovuta alla pandemia ha creato problemi un po’ a tutti. Una donna, spinta da questa situazione ha deciso di fare un sacrificio e mettere in vendita i gioielli di famiglia. Gli oggetti preziosi sono stati piazzati su un sito di e-commerce e hanno subito riscontrato il gradimento di alcuni utenti.

Tra questi è arrivata la chiamata di un ragazzo di 25, tale Kemal Marinkovic. Il giovne, nato a Roma, ma di etnia rom ha contattato la donna per poter visionare i gioielli. Spacciandosi per un uomo d’affari ha anche affittato un’importate location proprio per buttare un po’ di fumo negli occhi della malcapitata.

LEGGI ANCHE >>> Compravano auto online, ma li attendeva un’amara sorpresa

Il trucco del malvivente per rubarle i gioielli

Marinkovic a quel punto ha convocato nel suo ufficio di viale Giulio Cesare la donna per visionare i gioielli. In particolare il ragazzo si è detto interessato all’anello del valore di 20mila euro. Giunta sul posto la vittima ha mostrato la merce al giovane. Quest’ultimo allora ha cercato di allontanarsi con la scusa di dover andare a prendere i soldi per pagarla.

A quel punto la donna ha captato che qualcosa non andava e ha cominciato ad opporre resistenza. Infine ha urlato, proprio quest’ultimo atto ha spinto Marinkovic ad estrarre un coltello e a minacciarla prima di scappare via con la refurtiva. Fortunatamente però il ragazzo è stato poco dopo acciuffato dagli agenti del commissariato Borgo.

Il 25enne aveva diversi precedenti per truffa. Ora gli inquirenti indagano su altri possibili raggiri. Non si esclude infatti, che il ragazzo, insieme ad altri complici abbia replicato questi furti anche ad altre persone. L’ufficio affittato a Prati, infatti, serviva come specchio per l’allodole per i malcapitati.