Salvini “accoglie” Albania e Serbia, ma poi attacca l’Europa e il Governo

Parole al veleno di Salvini contro l’Europa e il Governo. Favorevole, invece, all’ingresso nell’UE di Albania e Serbia il leader della Lega.

Matteo Salvini (Getty Images)
Matteo Salvini (Getty Images)

Questo è un momento di grande confusione politica. Il Governo tecnico Draghi sta dando ai vari partiti il tempo di riassestarsi in un certo senso. Il Movimento 5 Stelle, che dalla prossima legislatura dovrebbe essere orfano di Di Maio si sta affidando a Conte. L’ex Premier avrà il compito di ricostruire il partito dall’interno. Rivoluzione anche nel PD dove con l’uscita di Zingaretti e l’arrivo di Letta si prospettano tante novità.

A far discutere però è soprattutto l’apertura da parte della Lega nei confronti dell’Europa. Una scelta obbligata da parte del carroccio per entrare nel Governo più europeista degli ultimi anni visto il Premier Draghi. Dopo le tante polemiche però negli ultimi giorni è arrivata una sorta di mano tesa da parte di Letta, che si è auspicato un possibile ingresso del partito capeggiato da Salvini nel Ppe.

LEGGI ANCHE >>> Salvini contro il suo stesso Governo, ora che si fa?

Salvini torna sul discorso sbarchi

Nelle ultime ore, attraverso una serie di tweet, proprio Salvini ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla questione. Il leader del Carroccio ha rimarcato ancora una volta che non è all’ordine del giorno un ingresso della Lega nel Partito Popolare Europeo. Allo stesso tempo però ha anche di nuovo attaccato il Governo per il provvedimento di tenere l’Italia in lockdown sino ad inizio maggio.

Nei suoi tweet Salvini si è anche occupato di politica estera dichiarando: “Albania e Serbia, dal mio punto di vista sono le benvenute nell’Unione Europea”. Allo stesso modo ha invece ricacciato l’idea che lo stesso percorso lo possa fare la Turchia definendolo “un regime islamista”. Il leader della Lega ha poi anche annunciato un vertice a Budapest giovedì prossimo con i primi ministri di Ungheria e Polonia.

Salvini è poi ritornato sull’argomento degli sbarchi, chiamando l’Europa a prendere posizioni più dure. Infine, per quanto riguarda il capitolo vaccini duro attacco del capo della Lega: “La gestione europea dei vaccini è stata totalmente fallimentare. Stiamo aspettando che qualcuno a Bruxelles paghi per questi errori”.