Quesito su Rousseau getta malumore, la crisi del M5S non si ferma

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Sembra non fermarsi la crisi del M5S, ora è tempo di critica per il quesito. 

barbara lezzi

E’ ormai chiaro che per il Movimento il voto sulla piattaforma è diventato un intralcio. Ed anche se Di Maio ha sempre sostenuto che il voto sia vincolante, “altrimenti cosa lo facciamo a fare” disse una volta, mai come oggi il timore è che la base sia più coerente dei vertici.

Davide Casaleggio in queste ore ha risposto alle tante accuse che sono arrivate sul metodo, sul reale coinvolgimento all’interno della piattaforma. “Noi decidiamo in 100mila, gli altri in quattro”, avrebbe detto il figlio dell’ideatore della piattaforma cuore della storia del Movimento Cinque Stelle.

LEGGI ANCHE >>> Ritornano i vitalizi agli ex senatori, esulta solo la casta, delibera annullata

LEGGI ANCHE >>> Dubbi centrodestra, se Salvini apre fuori Movimento Cinque Stelle

Quesito su Rousseau getta malumore, la crisi del M5S non si ferma. Intanto emergono le ripartizioni

Nella sua rubrica giornaliera, il Direttore de Il Foglio Claudio Cerasa riporta alcune delle possibili ripartizioni.

“Situa. Salvo sorprese, lo schema del governo Draghi nel rapporto con i partiti dovrebbe essere questo – scrive il Cerasa. Tre ministri per il M5s. Due per il Pd. Due per la Lega. Due per FI. Uno per IV. Uno per LeU. Uno per +Europa&co. Un tecnico certo (giustizia). Leader al governo? Più no che si”.

Un segnale, che di fatto, l’accordo ci sia già stato. E che i cinque stelle, con le dite incrociate, e il pallottoliere ben saldo davanti sono lì impegnati a contare i voti. Di Maio parla di opposizione a se stesso, mentre dagli ambienti più garibaldini i segnali sono ben diversi.

Barbara Lezzi, in un appassionato messaggio a Giuseppe Conte, spiega il perchè della sua scelta di schierarsi contro questo esecutivo. “Tra poche ore, quando mi ritroverò davanti alla scelta, voterò un NO convinto e vorrei motivartelo – scrive la Senatrice grillina su facebook. La trama di Palazzo che ti ha visto buttare fuori ha nomi e cognomi, ha complicità silenziose, ha intenzioni subdole. Il fine era quello di espellerti dalla vita politica passando da una crisi di governo perché raccogli consenso mentre tutti gli altri lo perdono, perché hai lavorato bene e non è pratica così diffusa”.