Il professore abusava sessualmente delle sue bambine al doposcuola

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le piccole subivano le violenze del loro professore di doposcuola. Il tribunale si è espresso finalmente in merito.

Il doposcuola degli errori. Cosi è stato definito dopo quello che è merso in seguito alle indagini portate avanti dagli inquirenti. Un sociologo, professore, 66enne, conosciuto, rispettato, che abusava delle bambine che ospitava in casa sua per dar loro ripetizioni, per aiutarle a fare i compiti assegnati a scuola. Un luogo di studio e formazione trasformatosi in una terrificante residenza per i poveri bambini costretti a recarsi li, ogni giorno.

Tra il 2015 ed il 2018 l’uomo ha abusato sessualmente di due bambine di 8 e 9 anni che ogni giorno erano ospitate in casa sua per il doposcuola. E’ avvenuto nel casertano, e di questo, ormai, gli inquirenti sono certi, tanto da arrivare ad una condanna ancora più pesante. La Procura aveva chiesto per l’uomo, 8 anni di reclusione, mentre alla fine, il collegio giudicante, presieduto da Loredana Di Girolamo, ha inflitto al professore una pena di ben 12 anni.

LEGGI ANCHE >>> Violenza in classe: la maestra colpisce il piccolo con un diario

LEGGI ANCHE >>> Caso Genovese: altre due denunce per violenza sessuale contro l’imprenditore

Il professore abusava sessualmente delle sue bambine: il caso del padre che violentava sua figlia

Negli ultimi giorni ha sconvolto l’opinione pubblica spagnola il caso dell’uomo che per anni ha violentato sua figlia, portandola anche ad avere una gravidanza, poi interrotta. In quel caso, il tutto è stato raccontato dalla stessa ragazza, minorenne, una volta al corrente della gravidanza. Il padre, in quell’occasione non aveva dato alcun cenno di sorpresa, e questo aveva insospettito sua moglie, che parlando poi con la figlia ha scoperto tutto.

Per l’uomo 15 anni di carcere, questa la condanna, più altri 5 di libertà. Inoltre l’impossibilità per molti anni ancora di avvicinarsi a sua figlia. Una condanna dura per un fatto di inaudita violenza mentale e psicologica.