Al via le consultazioni al Quirinale: si comincia con le Camere

Il governo alle consultazioni al Quirinale: nelle prossime ore comincerà il flusso del Capo di Stato. Costituito il gruppo di Conte, con un inganno 

Conte
Conte (Facebook)

Da questo pomeriggio il Presidente della Repubblica comincerà a confrontarsi con tutti gli interlocutori della politica. Primi saranno i presidenti delle due camere, chiuderà nei prossimi giorni il Movimento Cinque Stelle.

Oggi lo start è previsto alle 17 con la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. A seguire il presidente della Camera, Roberto Fico.

Domani si comincia al mattino, Mattarella incontrerà il gruppo delle autonomie. Al pomeriggio invece sono previsti i gruppi Misti del Senato e della Camera. Alle 16:45 tocca al gruppo parlamentare “Liberi e Uguali” della Camera. Alle 17:30 è la volta dei gruppi Parlamentari Italia Viva – PSI del Senato e Italia Viva della Camera. Segue alle 18:30 l’appuntamento con i gruppi Parlamentari “Partito Democratico” del Senato e della Camera.

Movimento Cinque Stelle e il centrodestra unito si confronteranno con il Capo dello Stato solo il 29 gennaio.

LEGGI ANCHE >>> Conte al colle, ma quando? Settimana decisiva. Spaventa Di Maio pilota

LEGGI ANCHE >>> Arrestata l’ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi

Al via le consultazioni al Quirinale: si comincia con le Camere. Intanto Conte forma il suo gruppo

E’ intanto nato in queste ore Europeisti Maie Centro Democratico, il gruppo che sosterrà il premier Giuseppe Conte. Presidente sarà l’ex forzista Fantetti, eletto all’estero e sostenitore del partito di Conte della prim’ora. E’ stato proprio Fantetti a registrare il simbolo di Italia23, quello che sarebbe stato il sito della futura cosa politica. Vicepresidente Causin, anche lui proveniente dagli scranni di Forza Italia e passato in maggioranza dopo la fiducia della scorsa settimana.

Singolare in riferimento alla costituzione del gruppo l’assenza reale dei numeri. Infatti non essendo stati trovati i sostenitori o responsabili, il Partito Democratico ha “prestato” un parlamentare a Europeisti Maie Centro Democratico così da permetter loro di potersi presentare.