15enne ucciso da coetaneo: temeva rivelasse la loro storia d’amore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:08

Una storia incredibile che racconta di un amore proibito, e di una tragedia, assurda, per paura della verità.

Matthew Mason
Matthew Mason (Facebook)

Una storia d’amore, segreta tra due ragazzi. Matthew Mason, 19 anni e A.R, 15 vivevano il loro amore clandestino nel Cheshire, in Inghilterra. Una storia che non doveva venire fuori, perchè tra l’altro Matthew, studente universitario, era ufficialmente fidanzato con una ragazza, e non voleva assolutamente che la sua omosessualità venisse fuori, non voleva si scoprisse, su di lui, tutta la verità. La loro storia, doveva, assolutamente restare segreta.

Poi un incontro tra i due ragazzi, presumibilmente un litigio, forse alla base, quella segretezza tanto pesante da sopportare. La lite, scoppiata di conseguenza, e la follia omicida di Matthew, che colpisce l’amante, ben 15 volte con una chiave inglese. Un finale tragico, per quella storia d’amore tanto cercata, ma che no doveva in alcun modo uscire alla luce del sole. Una tragedia assurda, che ha sconvolto la locale comunità inglese.

LEGGI ANCHE >>> 13enne ucciso a Capodanno: non è stato un petardo ma un proiettile

LEGGI ANCHE >>> Ucciso ex segretario della Lega: agguato nel cortile di casa

15enne ucciso da coetaneo: le testimonianze degli amici della vittima

Tornato dai boschi, dove aveva compiuto il terribile delitto, Matthew è andato al pub, con gli amici, come se niente fosse. Poi, la scoperta del corpo del vittima, e le testimonianza dei suoi amici, che erano al corrente della relazione tra i due, ha portato all’arresto ed all’accusa per il 19enne, che ora dovrà essere giudicato per omicidio. La spietatezza dell’assassino ha particolarmente scioccato la comunità locale.

15 colpi inferti, senza alcuna reazione da parte della vittima, una violenza inaudita, e poi l’abbandono del corpo senza vita del 15enne in quel bosco. Una vicenda incredibile, che a questo punto vedrà  il 19enne quasi sicuramente per molto tempo in carcere, per scontare la sua pena, per quell’amore proibito, che non doveva, secondo lui, essere raccontato al mondo.