Stefano De Martino, l’infanzia difficile: così ha cambiato il suo destino

Stefano De Martino e quell’infanzia difficile che pochi conoscono, il ballerino e conduttore ha dovuto lottare a modo suo contro la droga e la povertà.

Stefano De Martino, dolce abbraccio: il grande cuore del conduttore

Oggi Stefano De Martino è uno dei volti di punta della televisione italiana, partito come ballerino ad Amici di Maria De Filippi oggi è uno dei conduttori più cercati della ‘nuova guardia’.

Se della sua vita sentimentale conosciamo tutto o quasi, c’è una parte della sua vita che è restata per lungo tempo un vero mistero. Ecco quindi com’era la sua vita prima dell’incontro con la De Filippi.

LEGGI ANCHE>>>Stefano De Martino, ve lo ricordate ad Amici? L’incredibile cambiamento

LEGGI ANCHE>>>Stefano De Martino e Emma Marrone scoppia il caos: tutto per un cuore

Stefano De Martino, tra droga e povertà: ecco come si è salvato

Stefano De Martino, ve lo ricordate ad Amici? L'incredibile cambiamento
Stefano De Martino, Fonte foto: Instagram (@ stefanodemartino)

Siamo negli anni Novanta, a Torre Annunziata. Stefano De Martino vive in un quartiere fatiscente, in una realtà che lui stesso descrive “violenta, fatta di spaccio all’aria aperta e guerre tra clan.”  Stefano vive con la sua famiglia in un palazzone sopravvissuto al terremoto del 1980, al terzo piano senza ascensore.

Il palazzo raccoglie i drogati e gli spacciatori di quartiere, non ha infatti né portone né citofono, Stefano racconta infatti “spesso trovavo tra una rampa di scale e l’altra siringhe, lacci emostatici.”

A salvarlo da quello che poteva sembrare un destino segnato la famiglia, che è sempre stata di grande sostegno nella sua vita, e il lavoro. I suoi genitori nonostante le difficoltà hanno sempre trovato il modo di andare avanti con onestà.

La speranza che Stefano confida al Corriere della Sera è quella di essere un esempio per tanti ragazzi che si trovano a vivere in una realtà simile: “Vedere che c’è chi si convince, anche grazie a me, che non è vero che se nasci lì sei fuori dai giochi, mi riempie di orgoglio.”