Andrea Crisanti si vaccina in diretta: “Il momento è particolare” (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46

Il docente dell’Università di Padova, ha fatto la vaccinazione in diretta Facebook al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica.

Crisanti vaccino
Crisanti vaccino (Facebook)

Andrea Crisanti, docente di virologia e microbiologia all’Università di Padova, si è fatto vaccinare, nella giornata di oggi, contro il Covid19. Il gesto del virologo, che nelle scorse settimane si era detto scettico, circa l’efficacia reale, di un vaccino, prodotto e sperimentato per pochissimo tempo rispetto agli standard mondiali, è stato di certo di forte impatto. Crisanti, ha scelto di vaccinarsi in diretta Facebook, per sensibilizzare l’opinione pubblica circa la necessità ed il valore di una breve iniezione, che possa garantirci un futuro migliore.

Nei giorni scorsi, molti operatori sanitari si sono vaccinati, rendendo pubbliche le immagini della breve iniezione. Questo per dare ancora più valore, ad un gesto che dovrebbe essere inteso da tutti come fondamentale. Purtroppo, nonostante tutto, oggi, molte persone, forse troppe, pensano di non doverci vaccinare, o peggio ancora non vogliono farlo, temendo di rischiare chissà cosa. Gesti come quello di Crisanti, possono in qualche modo aiutare a convincere anche certe persone.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino anti Covid, la linea di Crisanti: Niente pagliacciate, attendo il mio turno

LEGGI ANCHE >>> Questione scuola, il virologo Crisanti attacca: Non è ancora sicura

Andrea Crisanti si vaccina in diretta: “Avrei preferito maggiore sobrietà”

“Avrei preferito una cerimonia un po’ più sobria, come carattere – ha dichiarato Crisanti – ma mi rendo conto che il momento è particolare e serve qualche parola per spiegare cosa stiamo facendo e perché lo faccio. In passato ho detto che avrei aspettato il conforto delle informazioni scientifiche per vaccinarmi. Non sono mai stato contrario ai vaccini – continua –  c’’è stato un problema di trasparenza che è stato risolto con la condivisione dei dati. E’ il momento di testimoniare che siamo in una fase di svolta con vaccini sicuri”.