Camilla fino all’ultimo disegnava: 17 anni di lotta al cancro, si è arresa

Aveva lottato contro il cancro fin da bambina con grande coraggio e altruismo, alla fine ha vinto il male, ma lei non ha perso.

muore a 21 anni
camilla fontana

Aveva imparato a conviverci con quel mostro di malattia. Aveva il cancro da quando era bambina e ha lottato per sconfiggerlo fino all’ultimo respiro. Ma lui si è ripresentato definitivamente e se l’è portata via. Non c’era mai riuscito in 17 anni. Camilla Fontana lascia un ricordo indelebile in tutti quelli che l’avevano conosciuta: una vita con il cancro eppure mai che le mancasse il sorriso o una buona parola per gli altri. Abitava a Galciana, in provincia di Prato.

“Camillina, questa volta te ne sei andata davvero… – scrive Silvia Loru, un’infermiera dell’ospedale pediatrico Meyer che Camilla ha frequentato per anni – Quanto hai combattuto. Sei stata un esempio di forza, tenacia, coraggio e amore per la vita. Hai dato forza a moltissimi piccoli guerrieri che hanno combattuto come te la loro battaglia… […] Sarai sempre nel mio cuore, ti voglio bene. Adesso sei libera, vola!”.

LEGGI ANCHE >>> Sbatte la testa per salvare un cane: poi l’ultimo sospiro, a 15 anni

LEGGI ANCHE >>> Le ultime parole alla madre: Faccio la doccia e ti telefono: non richiamerà più

Camilla fino all’ultimo disegnava: 21 anni di lotta al cancro: “mai una volta ha detto non ci riesco”

Il padre leggerà un passo dell’omelia durante i finerali, gli amici di Camilla hanno innondato i social di lettere affettuose, commoventi: ricordi di una vita. “Niente cancellerà dalla mia testa le nostre risate, noi, e tutto quello che abbiamo passato insieme – la ricorda Diletta Bilenchi, ex compagna di scuola al Liceo artistico Brunelleschi di Montemurlo – Ci siamo scontrate in corridoio, quando eravamo ancora adolescenti alle prime armi, e all’inizio credevo anche di starti sulle scatole, pensa te. La mia piccola leonessa, con un coraggio enorme che mi ha amato senza riserve”.

“Non c’è mai stata una volta che ti ho sentito dire “Non mi riesce” e se ci azzardavamo o io o Letizia erano botte, perchè nessuno si deve arrendere di fronte alla vita, me lo hai insegnato tuscrive un’altra amica.