Il Bancomat gli fa un regalo di Natale inaspettato: lui è onesto e lo rifiuta

Nel giorno di “Santo Stefano” aveva ricevuto un regalo natalizio inaspettato, ma ha preso una decisione onesta e coraggiosa.

Un evento che tutti chiamerebbero fortunato: un uomo passava nella giornata di “Santo Stefano” in Via Foria a Napoli, nulla di strano, se non che il Bancomat presente sulla via ha improvvisamente “sputato” fuori la bellezza di 980 euro, divisi in banconote da 20 e 50 euro.

L’uomo, identificato come Khalil Semmah, 51 anni, italiano di origini marocchine, non ha esitato un attimo: immediatamente si è recato negli uffici del commissariato Vicaria Maercato, riconsegnando tutti i 980 euro, fino all’ultima banconota.

Un gesto assolutamente apprezzabile quello dell’uomo, sposato e con un figlio che studia all’Università.

LEGGI ANCHE >>> Indagato per fatture false il big della televisione, ma è stato un altro

LEGGI ANCHE >>> Iwobi contro gli antirazzisti italiani: Mi chiamavano negro-verde

La moglie ha subito ampliato notevolmente il gesto dell’onesto marito, raccontando la storia della loro casa e della loro famiglia: “Abitiamo in una casa piccola, mio figlio stava studiando in vista di un esame e lui ha deciso di andare a farsi una passeggiata per non disturbarlo”.

I Carabinieri del commissariato Vicaria Maercato, appena avvisati, si sono comunque recati subito sul posto per i rilievi del caso ed hanno notato che non vi era nessun segno di tentativo di effrazione o di un possibile scasso.

Il Bancomat non era dunque stato manomesso da nessuno, cosi è stato subito avvisato il direttore della Banca per raccontare lo spiacevole accaduto e capire come possa essersi sviluppato questo incidente.

I Carabinieri non hanno addirittura nemmeno escluso un possibile attacco da parte di alcuni hacker i quali potrebbero aver programmato il malfunzionamento del bancomat per poi approfittare dell’uscita dei soldi e scappare via con la refurtiva. L’ipotesi è ancora in ballo ed i carabinieri stanno indagando maggiormente per scoprire il misfatto.