Torino, la figlia di 6 anni è in videochiamata: il padre si uccide davanti a lei

Una vicenda tragica che coinvolge anche una bambina che ha dovuto assistere ad una scena assolutamente raccapricciante.

Auto carabinieri
Auto carabinieri (Facebook)

Una vicenda terribile che arriva dal Piemonte, precisamente a San Sebastiano, piccolo centro del Canavese, dove un uomo 53enne, si è suicidato mentre era in videochiamata con la figlia di soli sei anni. Secondo quanto trapelato nelle ultime ore, il gesto dell’uomo sarebbe una vendetta nei confronti della ex moglie, che insieme ai tre figli della coppia, vivono al momento in un centro accoglienza.

La decisione, dopo che la donna per l’ennesima volta aggredita, aveva denunciato l’uomo, circa un anno fa. Da qui, le accuse, le indagini, ed il trasferimento della famiglia in una località ed un ambiente molto più sicuri. L’uomo non aveva mai, di fatto, perdonato alla moglie di averle portato via i suoi figli, ed oggi, il triste epilogo, proprio davanti agli occhi di uno di loro. Una vicenda tragica che assume i toni della vera e propria tragedia familiare.

LEGGI ANCHE >>> Chiede la pistola alla moglie e si uccide: lei condannata per aiuto al suicidio

LEGGI ANCHE >>> Roma, ancora tragedia alla stazione: incidente o suicidio?

La figlia di 6 anni è in videochiamata con lui: il padre si uccide “così mia moglie la paga”

L’uomo, aveva da poco perso anche il lavoro, e pare avesse problemi di salute. In un certo senso la sua vita stava prendendo una certa direzione, dovuta anche forse a problemi psicologici, caratteriali, che ne hanno amplificato lo stato di abbandono. Poi la telefonata che nessuno si aspettava, ed il suicidio in diretta, con una pistola tra l’altro non dichiarata, preceduta da un biglietto lasciato in casa. Tante parole contro la ex moglie, la volontà di vendicarsi di lei, lasciagli qualcosa di lui che non dimenticherà più, probabilmente.

E’ la tragica fine di una storia che forse avrebbe potuto avere altra conclusione, ed invece ha portato soltanto dolore, angoscia, paura e morte.