Coronavirus, Speranza su spostamenti a Natale: “Regole attuali giuste”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

Il ministro della Salute ha parlato dell’ipotesi riguardante la modifica delle misure per i giorni clou delle feste natalizie.

Roberto Speranza
Roberto Speranza (Speranza)

Certo che l’idea circolata nelle scorse ore, riguardo la possibilità che il Governo possa modificare le misure restrittive in vigore nei giorni clou delle festività natalizie, in merito allo spostamento tra comuni, avrà spiazzato lo stesso Governo. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha infatti dichiarato che l’attuale scenario, quello insomma stabilito dall’ultimo dpcm, resta a suo avviso quello che offre maggiori garanzie.

Speranza, riferendosi quindi alla possibilità di spostamento tra un comune e l’altro anche nei giorni principali delle prossime festività, ha dichiarato che certo, è evidente quanto possa essere dura non poter andare a trovare un proprio caro, che magari vive in altro comune, ma è altrettanto vero che al momento, la soluzione stabilità dal Governo con l’ultimo dpcm, è quella che assicura una maggiore sicurezza per tutti gli italiani.

LEGGI ANCHE >>> Quanto costerà vaccinarsi? Ce lo dice il ministro Speranza

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, le parole del ministro Speranza: I cittadini devono capire

Coronavirus, Speranza su spostamenti a Natale: “Meglio non cambiare regole”

A questo punto la posizione del ministro della Salute, si contrappone a quella veicolata nelle scorse ore, che in effetti non si sa se sia stata direttamente scandita dal premier Giuseppe Conte, o da una parte consistente del Governo. Quello che è certo è che il responsabile della funzione sanitaria, a questo punto non ci sta al cambio misura, e quindi, bisognerà capire cosa potrebbe succedere.

Gli italiani, ovviamente, potrebbero capire poco la doppia posizione, potrebbero pensare insomma, come mai allora la prima linea, quella dell’apertura rispetto alle iniziali misure, sia venuta fuori, quasi confermata e data ormai per certa. Al momento bisognerà dunque aspettare ulteriori chiarimenti, per provare a capirci qualcosa. Vedremo.