Campania a rischio lockdown, da zona gialla a rossa: cosa succederà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45

Il presidente abruzzese anticipa, volendo o meno le decisioni del Governo, a questo punto c’è attesa per la Campania.

Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana, cambieranno dal prossimo mercoledì fascia d’emergenza, parliamo in pratica della tipologia di suddivisione adottata dal Governo per delineare le zone con maggiori criticità prendendo in considerazione una serie di elementi ed incrociandoli. Il risultato è un rapporto dettagliato sullo stato di salute della regione stessa, in modo da collocarla nella fascia d’emergenza più consona alla situazione

Marco Marsilio, presidente della regione Abruzzo ha di fatto, volutamente o meno anticipato le intenzioni del Governo, circa il passaggio da una zona d’emergenza all’altra delle regioni citate. Un provvedimento che a questo punto fa tenere gli occhi puntati sulla Campania, in zona gialla, molto criticata già ad ufficializzazione dell’ultimo dpcm. Cosa succederà in Campania? Sarà zona rossa? O continueranno le critiche e le riflessioni contrastanti?

LEGGI ANCHE >>> Il Covid si è preso una mamma di 21 anni: un bimbo piccolo non la vedrà mai più

La Campania cambia colore? Cosa succederà in regione ed in comune

Lo scontro tra presidente di regione e sindaco di Napoli si è fatto forte nelle ultime ore, in seguito all’indicazione non rispettata da parte di De Magistris circa la  richiesta di De Luca ai sindaci della regione di chiudere determinate strade ed aree potenzialmente più frequentate nelle varie città. La cosa ha quindi provocato un braccio di ferro mediatico tra i due con critiche, insulti nemmeno tanto velati e prove di disobbedienza che restano di fatti senza alcuna logica.

De Luca si è detto pronto ad accettare un ulteriore provvedimento del Governo, purchè si legittimi la la sua posizione circa il funzionamento del sistema Campania, che sarebbe la regione con meno morti in Italia. Una pretesa chiesta dal governatore per screditare i commenti negativi dei media che nei giorni scorsi si sono susseguiti senza sosta contro l’immagine stessa che De Luca aveva proposto della sua regione.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, le parole di Crisanti: Siamo in ritardo, De Luca ha ragione