Covid-19, si va verso proroga stato di emergenza al 31 gennaio 2021

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:15

Il Governo ha in mente un’ulteriore proroga dello stato di emergenza per il Covid-19. L’ultima idea è quella di allungarlo fino al 31 gennaio 2021

Covid-19

Era già nell’aria da diverso tempo, ma adesso l’idea potrebbe concretizzarsi. Dopo la proroga a metà ottobre e quella più che probabile fino al termine dell’anno, lo stato di emergenza relativo al coronavirus potrebbe allungarsi ulteriormente.

Secondo quanto riportato dall’Ansa il Governo starebbe ponderando l’ipotesi di estendere il provvedimento fino al 31 gennaio 2021, ovvero a un anno esatto da quando è stato firmato (quando nel Bel Paese il virus non aveva ancora fatto capolino).

Covid-19, proroga stato di emergenza, la conferma da parte di Fico

Roberto Fico

A confermare questa possibilità ci ha pensato il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico. A tal proposito ecco cosa ha dichiarato: “Da quanto ho capito dovrebbe esserci questo tipo di proroga. Sarà il Governo ad occuparsi della questione. Lo stesso ministro della salute Roberto Speranza ha detto che bisognerà fare delle valutazioni a riguardo”. 

Al momento lo stato di emergenza cesserebbe il 15 ottobre, ma la situazione di certo non rosea all’orizzonte con l’aumento dei contagi, ha suggerito al Cts di protrarre lo stato di emergenza. Proprio in merito alle suddette considerazioni negli ultimi consigli dei ministri si è già discusso circa questa eventualità.

A ciò va aggiunta anche la questione della app immuni, che ad oggi non è stata scaricata da molte persone. L’obiettivo è quello di sensibilizzare le persone circa la sua utilità attraverso una lunga propaganda televisiva.

Il capodelegazione del M5S Alfonso Bonafede e il collega del PD Dario Franceschini sono coloro che si stanno esponendo di più per far capire quanto può essere importante in un momento così delicato avvalersi di uno strumento del genere. Dunque si attendono buone nuove anche su questo fronte per cercare di limitare il più possibile l’avanzare del Covid-19.