Como: immigrato uccide a coltellate il prete amato dai poveri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27

Il tragico omicidio si è consumato verso le 7 di mattina in Piazza San Rocco nel pieno centro di Como. Il sacerdote Don Roberto Malgesini aveva appena 51 anni

Brutale omicidio a Como, dove un migrante ha assassinato un prete infliggendogli diverse coltellate. L’assassino è uno straniero senza fissa dimora con problemi psichici, che subito dopo aver compiuto il folle gesto si è costituito ai carabinieri. La vittima invece è Don Roberto Malgesini. Era noto in città per il suo impegno a favore delle persone in difficoltà, compresi i migranti.

È stato trovato a terra con un’evidente ferita da arma da taglio nei pressi della parrocchia che gli era stata assegnata. I soccorsi purtroppo si sono rivelati vani, i medici non hanno potuto fare altro che costare l’avvenuto decesso.

Chi era il prete di Como Don Roberto Malgesini?

Don Roberto Malgesini
Fonte Facebook – Lino Castorina

Originario della Valtellina (nato a Morbegno provincia di Sondrio) era molto attivo per il suo impegno nel volontariato. Portava da mangiare alle persone senzatetto e a tutti gli emarginati.

Risiedeva nella parrocchia di San Rocco, praticamente a pochi metri da dove è stato ritrovato il suo corpo esanime. In zona abitavano diversi migranti, anche per questo aveva scelto di andare a vivere lì.

Purtroppo però una di quelle persone a cui dava tutto il suo aiuto lo ha “tradito” togliendogli il dono più importante: la vita. Il vescovo Oscar Cantoni ha benedetto la salma di Don Roberto prima che venisse portata via.

I fedeli increduli presi dalla commozione si sono radunati nei pressi della parrocchia. Insieme a loro anche alcuni migranti che in preda allo sconforto hanno affermato: “Non può essere lui”. 

Ed invece si purtroppo era proprio lui. A soli 51 anni è già salito in cielo dove sicuramente continuerà ad aiutare il prossimo così come ha fatto nel corso della sua esistenza. D’altronde era la sua missione del mondo, per questo era amato da tutti. Ha lasciato un vuoto incolmabile che il tempo riuscirà ad alleviare in parte, ma non a rimarginare del tutto.

LEGGI ANCHE >>> Gruppi social migranti da incubo, nel mirino le donne europee

LEGGI ANCHE >>> Migranti, Lamorgese: “non posso mica affondarli i barchini”