Caffè decaffeinato fa male? Ecco la risposta che non ti aspetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:30

Molto spesso si dice che il caffè decaffeinato fa male, ma è del tutto vero oppure è soltanto una credenza? Ecco la risposta che non ti aspetti

Caffè decaffeinato fa male? Ecco la risposta che non ti aspetti
Caffè, Fonte foto: Pixabay

Tra le bevande più consumate del Bel Paese vi è il caffè e a volte si acquista anche quello decaffeinato, ma è vero che fa male oppure è soltanto una leggenda metropolitana? La risposta che non ti aspetti.

La versione decaffeinata viene spesso consumata soprattutto da chi non vuole assolutamente perdersi l’odore e il gusto del caffè al mattino, ma è “intollerante” ad alcune controindicazioni che la caffeina può provocare ad alcune persone.

Secondo quanto riportato dal sito ‘dilei.it‘, la versione decaffeinata può apportare all’organismo diversi benefici eliminando, quasi del tutto, i problemi che potrebbe avere la caffeina.

Tra i benefici che possiamo annoverare al caffè decaffeinato vi è quello di contenere diversi antiossidanti, aiuto nel controllo dei radicali liberi e di conseguenza un piccolo aiuta nella prevenzione all’invecchiamento. Secondo una ricerca avvenuta in India, all’interno della bevanda decaffeinata vi sono acidi clorogenici e polifenoli.

Caffè decaffeinato, proprietà e benefici: addio al bruciore di stomaco?

Caffè decaffeinato fa male? Ecco la risposta che non ti aspetti
Caffè, Fonte foto: Pixabay

Il caffè decaffeinato pare abbia al suo interno anche una piccola quantità di Vitamina B che aiuta la circolazione del sangue.

Secondo una ricerca condotta qualche anno fa presso l’Università nazionale di Seoul tra i benefici di questa bevanda vi è anche quello di contenere acido clorogenico, come detto prima, che avrebbe anche un ruolo di protezione sui neuroni.

Inoltre pare che l’assenza di caffeina aiuti a contrastare l’odiassimo reflusso gastroesofageo e di conseguenza il cosiddetto bruciore di stomaco. A scoprire il beneficio appena citato ci ha pensato una ricerca condotta nel ’94 all’ospedale di München-Bogenhausen.

Ma quando è possibile consumarlo? Ovviamente si può consumare come il comune caffè, ovvero la mattina, oppure dopo pranzo, ma data la mancanza di caffeina anche dopo cena per chi soffre di insonnia anche dopo cena senza particolari ripercussioni. Chiaramente per maggiori informazioni e chiarimenti chiedere al proprio medico.

LEGGI ANCHE –> Pomodori d’estate? Ecco perché dovresti mangiarne di più

LEGGI ANCHE –> Caffè e cannella: ecco l’accoppiata vincente contro il caldo