Coronavirus, i dati del 16 giugno: piccoli focolai ma buone notizie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:02

I dati sulla curva epidemiologica del coronavirus in Italia diramati come ogni giorno dalla Protezione civile.

Aumentano i tamponi, ma diminuiscono i nuovi casi: il bollettino della Protezione Civile registra un incremento di +210 casi positivi al Coronavirus. Ieri, il dato mostrava un +303 nonostante fossero stati analizzati quasi 20 mila tamponi in meno rispetto a oggi.

Il numero delle vittime nelle 24 ore rimane più o meno stabile: +34, a fronte dei +26 morti registrati ieri. I deceduti, dall’inizio del monitoraggio dell’epidemia, hanno raggiunto quota 34.405.

Calano le persone attualmente positive: se ieri si era registrata un discesa di soli 365 pazienti, nelle ultime 24 ore il dato ha registrato un -1.340 infetti, per un totale aggiornato a oggi di 24.569 attualmente positivi all’infezione da Sars-CoV-19.

Il numero totale dei casi in Italia è arrivato a 237.500; ieri la cifra era ferma a 237.290 casi.

Un incremento di nuovi positivi (+210) più contenuto rispetto al 15 giugno, quando si erano registrati +303 nuovi casi.

Il 14 giugno il dato mostrava un +338, tre giorni fa +346. Un dato che acquista importanza alla luce dei 46.882 tamponi analizzati il 16 giugno, aumentati e di molto rispetto ai 28.107 test eseguiti il 15 giugno.

Resta la Lombardia la regione che traina al rialzo i dati relativi ai nuovi casi di Covid-19: +143 rispetto a ieri.

Il numero totale dei tamponi ha raggiunto quota 4.695.707 (ieri era pari a 4.648.825). Il totale dei singoli individui testati in Italia è di 2.891.846. Il totale dei guariti, dall’inizio del monitoraggio, è di 178.526+1.516 rispetto a ieri, quando le nuove guarigioni erano state soltanto 640.

In lieve discesa la curva dei pazienti ricoverati: al momento in ospedale ci sono 3.489 pazienti con sintomi (ieri erano 3.594). Di questi, i pazienti più gravi ricoverati in terapia intensiva sono scesi fino a quota 207 (ieri erano 209). Infine, in isolamento domiciliare ci sono ancora 22.213 persone su tutto il territorio nazionale (ieri il dato era pari a 22.471).

Sette nuovi casi a Roma

Piazza San Pietro
Piazza San Pietro, Roma (foto Pixabay)

Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine. I decessi sono stati 3 nelle ultime 24 ore

Sono sette i nuovi casi di coronavirus a Roma nelle ultime 24 ore. A questi si aggiungono altri due, registrati nella Asl Rm5, che fanno parte della provincia della Capitale. Nel Lazio,  sono stati segnalati nove casi contro gli appena tre del giorno prima.

Nello specifico, a Roma, quattro nuovi pazienti sono stati segnalati nella Asl Rm1, altri tre invece nella Asl Rm3 (che comprende anche il comune di Fiumicino), di questi uno è del focolaio del San Raffaele Pisana che, nel frattempo, sale a 112 casi positivi e 5 decessi correlati. Nella altre città della regione, invece, non c’è nessun nuovo caso positivo.

La situazione

Asl Roma 1 – 4 nuovi casi positivi. 10 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 2 – Non si registrano nuovi casi positivi. 10 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 3 – 3 nuovi casi positivi di cui 1 riferibile al cluster dell’IRCCS San Raffaele. 31 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 4 – Non si registrano nuovi casi positivi;

Asl Roma 5 – 2 nuovo caso positivo;

Asl Roma 6 – Non si registrano nuovi casi positivi. 36 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Frosinone – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 7 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Latina – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 15 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Rieti – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 2 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl di Viterbo – Non si registrano nuovi casi positivi. 0 decessi. 9 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

LEGGI ANCHE -> AstraZeneca produciamo il vaccino ma non sappiamo se funziona

LEGGI ANCHE -> Abusata in famiglia: “La mamma segnava sul calendario