Germania manda a casa diplomatici russi. La Russia si vendica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:20

Non collaborarono con delle indagini importanti, i due diplomatici russi rispediti a casa da Berlino. Oggi, la Russia fa lo stesso con due tedeschi

Germania manda a casa diplomatici russi. La Russia si vendica
Bandiera russa: (Fonte foto: Getty Images)

Non corre di certo buon sangue, nelle ultime ore tra Russia e Germania. Pochi giorni fa, due diplomatici russi furono rimandati a casa dalla Germania, accusati di non collaborare con le indagini sull’omicidio di un ex miliziano ceceno in terra tedesca.

Oggi, la decisione della Russia, di “pareggiare i conti”, rispedendo in Germania, altrettanti diplomatici, la cosa logicamente, non è piaciuta ai politici tedeschi.

Leggi anche: Colombia, causa contro Wallmart per i maglioni che offendono il paese

La Russia manda a casa due diplomatici tedeschi

Germania manda a casa diplomatici russi. La Russia si vendica
Bandiera tedesca: (Fonte foto: Getty Images)

La Russia ha annunciato che presto, due diplomatici tedeschi torneranno a casa. La decisione è la conseguenza, dello stesso atto fatto dalla Germania, pochi giorni fa, ma con una giusta ragione.

A detta della Germania, i due diplomatici russi, già mandati in patria, non collaboravano nelle indagini sulla morte di Zelimkhan Khangoshvili, avvenuta in terra tedesca. La vittima di omicidio, era un miliziano ceceno che aveva chiesto asilo politico alla Germania, ma il 23 agosto scorso, fu ucciso in un parco a Berlino, mentre cercava di recarsi in una moschea. Il presunto assassino era proprio un uomo russo e secondo le indagini, potrebbe esserci proprio il Governo del suo paese, dietro quest’omicidio.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha commentato l’espulsione dei diplomatici tedeschi, definendola una misura obbligata, dichiarando: “Speriamo che l’espulsione dalla Russia di due diplomatici tedeschi non diventi un ostacolo per coltivare ulteriormente ed espandere il nostro dialogo, piuttosto costruttivo, con la Germania”. Secondo Peskov, la misura presa prima, dalla stessa Germania contro i due diplomatici russi, sarebbe invece priva di ogni fondamento e sarebbe molto vicina ad una misura presa per ritorsione.

A parlare, per la Germania, un portavoce del Ministero degli Esteri, che ha dichiarato che il governo tedesco, si rincresce di dover prendere atto di tale decisione da parte di Mosca, di dichiarare due diplomatici tedeschi persone non grate. Questo, secondo il portavoce di Berlino, sarebbe da parte dei russi, un segnale sbagliato e non giustificato.

Leggi anche: Casapound batte Facebook: la motivazione lascia di stucco