Smart tv e decoder nuovi: bonus in arrivo, ecco chi ne ha diritto

Nuovi: bonus in arrivo per il cambio del segnale digitale. Incentivi disponibili già da questo dicembre: ecco chi ne ha diritto

Smart tv e digitale
Smart tv e decoder nuovi: bonus in arrivo, ecco chi ne ha diritto (Getty)

Novità importanti in arrivo nel panorama della tv italiana. Dopo l’addio al segnale analogico e il passaggio al digitale, ora è in arrivo una nuova frontiera. Quella della tecnologia DVBT2 per migliorare la ricezione e la velocità di trasmissione.

Il passaggio però non sarà affatto semplice: non tutti i televisori infatti saranno in grado di supportarla, per questo motivo da dicembre saranno disponibili nuovi contributi per l’acquisto di decoder e Smart TV di ultima generazione.

–> Leggi anche Verona van de Leur: da campionessa di ginnastica a star del porno

Bonus da 50 euro, chi ne ha diritto?

Il bonus previsto sarà di 50 euro e sarà disponibile – si legge sul sito del ministero delle Sviluppo economico – in seguito alla pubblicazione del decreto Mise-Mef, previsto in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni.

Avrà diritto al bonus, al momento, chi tra il 2019 e il 2021 acquisterà una tv compatibile con la nuova tecnologia, o un decoder, con la premessa che vi sia la  residenza in Italia e che si rientri nella fascia ISEE I (10.632,94 euro) e II (21.265,87 euro).

In sintesi, se il televisore che si ha in casa è stato acquistato dopo il 1 gennaio 2017 allora sarà in grado di supportare il nuovo sistema. Da quella data per legge tutti i negozi sono stai obbligati a vendere esclusivamente apparecchi con il nuovo decoder integrato.

Per acquisti avvenuti negli anni precedenti si dovrà verificare la compatibilità. Poi dal 2020 si entrerà in una fase di transizione che durerà circa due anni e darà tempo agli utenti di dotarsi degli apparecchi necessari per la nuova tecnologia, che entrerà in vigore in maniera definitiva dal 1° luglio 2022.

Entro il 30 giugno di quell’anno i network televisivi dovranno abbandonare completamente l’utilizzo delle frequenze sulla banda dei 700 MHz in modo che siano rese disponibili per la connettività 5G.