Giovani italiani troppo sedentari: poco sport, più sigarette ed alcool

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Uno studio condotto dall’Iss nel 2018 ha rilevato che i giovani italiani al di sotto dei 15 anni hanno abitudini poco salutari a partire da una cattiva alimentazione

Ragazzi italiani, poco sport, più sigarette ed alcool
Ragazzi italiani, poco sport, più sigarette ed alcool

Non era difficile da intuire, ma a certificarlo è stata anche la conferma da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. I ragazzi italiani under 15 hanno uno stile di vita decisamente poco salutare e molto sedentario.

Lo studio effettuato nel 2018 ha preso in esame i giovani nella fascia d’età 11-15 anni e i dati che emergono non sono per niente confortanti. Si inizia dal mattino, momento in cui si dovrebbe fare sana colazione per iniziare la giornata.

Circa il 30% salta questo pasto di grande importanza. La situazione è pressapoco la medesima per quanto concerne gli altri spuntini, visto che appena un terzo li fa a base di frutta o verdura.

Capitolo sport. Appena il 10% si dedica all’attività fisica. Davvero una miseria considerando che in quella fascia d’età si hanno delle energie praticamente inesauribili.

Leggi anche -> Italia 1, ‘Hercules – La leggenda ha inizio’: info, trama e cast del film

Giovani italiani: in crescita il consumo di alcool e sigarette

A questo quadro già abbastanza allarmante vanno aggiunti anche alcuni vizi, che ormai subentrano troppo prematuramente. È sempre più diffusa la pratica di “sbronzarsi” come se non ci fosse un domani e nei momenti di sobrietà spazio alle bibite gassate e ad alto contenuto di zuccheri.

Il 10% dei ragazzi nella fascia d’età presa in esame non si accontenta dell’alcool e lo accompagna con le sigarette. In questo caso specifico le femmine superano leggermente i maschi (32% contro 25%).

Il gioco d’azzardo è un’altra piaga della gioventù moderna e naturalmente in questo caso sono i ragazzi ad essere in vantaggio (62% contro 23%), così come per i rapporti sessuali (26% vs 17%). Fortunatamente la maggioranza ha dichiarato di utilizzare dei metodi contraccettivi.

Leggi anche -> ‘Le Iene’: in onda la prima puntata in onore di Nadia Toffa