Cos’è lo ‘spanking’? Tutte le info sulla pratica sessuale

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Anche se praticata, non tutti sanno cos’è lo ‘spanking’: tutte le info e cosa c’è da sapere sull’eccitante pratica sessuale

Cos'è lo 'spanking'? Tutte le info sulla pratica sessuale
Spanking (GettyImages)

Lo ‘spanking’ è una poco conosciuta pratica sessuale anche se, magari, praticata da molti. Si tratta letteralmente di dare o ricevere schiaffi sul sedere del partner durante l’atto sessuale che, secondo alcuni studi, migliorerebbe anche il flusso del sangue nella parte dei genitali.

C’è comunque l’esigenza di fare una differenza tra due tipologie di ‘spanking‘: vi sono gli spankes, ovvero dare schiaffi, e gli spankee, ricevere schiaffi.

Secondo alcuni, questa pratica può essere annoverata tra le prime esperienze di sesso “violento” e quindi piò far capire ad entrambi i partner se la l’aggressività nel rapporto è gradita o meno.

Inoltre, secondo alcune opinioni, la pratica delle “sculacciate” suscita alcune sensazioni e alcuni ricordi che rimandano al lato bambino di uno dei due o entrambi i partner.

LEGGI ANCHE–> CRISTINA BUCCINO FA IMPAZZIRE IL WEB: TROPPO HOT LE FOTO SU INSTAGRAM

Cos’è lo ‘spanking’? Tutte le info sulla pratica sessuale. La storia

Lo ‘spanking‘, come detto, è una poco conosciuta pratica sessuale anche se, magari, praticata da molti. Si tratta letteralmente di dare o ricevere schiaffi sul sedere del partner durante l’atto sessuale.

Secondo alcuni gli oggetti utilizzati per questa pratica sono diversi. Vi sono tra i tanti: bastoni lavorati; cinture in cuoio o altri materiali e fruste per le pratiche più estreme.

Per diverso tempo le varie pratiche sessuali erano considerate dalla psichiatria poco ortodosse e motivo di cure. In seguito, invece, con la psicologia e la psichiatria odierna le diverse pratiche non sono state più considerate tali.

Se per la pratica sessuale sopracitata ci sono voluti diversi anni per non considerarla una malattia, l’Associazione Psichiatrica Americana fino al ’73 annoverava l’omosessualità tra le malattie menali.