riduzione iva assorbenti boldrini
In Italia, gli assorbenti sono soggetti ad un Iva del 22%: al pari dei beni di lusso

Bocciato la proposta di riduzione dell’Iva sugli assorbenti, Laura Boldrini: “Sono indignata, non sono un bene di lusso per le donne”

La Tampon Tax resta in vigore. Il Camera dei Deputati ha infatti respinto un emendamento del PD che avrebbe introdotto una riduzione dell’Iva sugli assorbenti. Attualmente, infatti, in Italia, gli assorbenti ed i prodotti sanitari per le donne sono soggetti ad un Iva del 22%: al pari dei beni di lusso. Il provvedimento del Pd contemplava una riduzione dell’imposta e l’introduzione dell’Iva al 5 per cento sui prodotti sanitari per le donne. L’ex presidente della Camera e deputata Laura Boldrini, ha commentato così: “Sono indignata, la maggioranza ha votato contro. Non è un bene di lusso, per tante famiglie rappresenta un costo. Non si capisce perché un bene di prima di necessità per le donne debba essere tassato al 22%, quando un rasoio per la barba è tassato al 4%. Per la parità di diritti, anche fiscale, tra uomini e donne si dovrà dunque aspettare ancora.

LEGGI ANCHE —> CERIGNOLA: OLIO DI SEMI DI SOIA VENDUTO PER OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA

Laura Boldrini: “Un’occasione persa”

Laura Boldrini ha fatto anche un paragone con quanto accaduto in occasione del voto sul cosiddetto ‘revenge porn‘. “Anche al mio emendamento avevano votato contro. In quel caso le deputate avevano occupato i banchi del governo, e dopo aver sospeso i lavori dell’Aula, si erano resi conto che stavano facendo un errore e avevano formulato un emendamento della maggioranza. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico. In questo caso si è riproposto lo stesso approccio, lo stesso schema. Dato che hanno una proposta su questo tema al Senato hanno bocciato questi emendamenti. Si è persa ancora una volta l’occasione per dare un segnale di attenzione alle donne che in Italia non hanno lavoro, che sono il 51% – ha detto ancora la Boldrini – L’interesse di Lega e M5S è solo quello di mettere per primi una bandierina. In Aula abbiamo contestato quest’atteggiamento, potevamo abbassare subito l’Iva, visto che il provvedimento era già pronto”.

LEGGI ANCHE —> EDUCAZIONE CIVICA OBBLIGATORIA A SCUOLA, BOLDRINI: “SALVINI NE HA BISOGNO”

Facebook Comments