Modena: in attesa di Matteo Salvini, lancio di sassi e scontri
Il vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini (Getty Images)

In attesa dell’arrivo a Modena di Matteo Salvini per un comizio elettorale, scontri tra manifestanti e forze dell’ordine: una persona fermata

A Modena si registrano scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine in attesa dell’arrivo del vicepremier Matteo Salvini in città per un comizio elettorale.

Da un gruppo di un centinaio di manifestanti al presidio del centro sociale Spazio Guernica all’ingresso del parco Novi Sad è partito un lancio di sassi contro le forze dell’ordine che hanno risposto con una carica e pare alcune manganellate, secondo quanto riferito da La Repubblica.

Le forze dell’ordine avrebbero fermato un uomo.

I manifestanti gridano “lasciateci passare”, “liberiamoci dal razzismo”. Si tratta di una delle tre manifestazioni organizzate per protestare contro l’arrivo del leader della Lega.

“Questa la Modena vera non quella di quattro zecche da centro sociale che vanno giù a fare casino. Non ci sono i più i compagni di una volta”. Così Matteo Salvini salendo sul palco di piazza Matteotti per il comizio.

LEGGI ANCHE –> CASO SOTTOSEGRETARIO SIRI, SALVINI: ” CONTE MI SFIDI SU TASSE “

Modena, il comizio di Matteo Salvini e il tour in Emilia Romagna

Scontri dunque tra manifestanti e forze dell’ordine a Modena, prima dell’arrivo di Matteo Salvini per un comizio elettorale.

Il vicepremier è in tour in Emilia Romagna, dove si vota per le amministrative. A Reggio Emilia ha parlato davanti ai supporter al mercato di Piazza Prampolini. Il leader della lega è un fiume in piena sul palco e cita, tra applausi e risate, anche il busto di Lenin di Cavriago (“A Milano abbiamo il museo civico di storia naturale con la sala dei dinosauri…”).

Il suo discorso accanto al candidato sindaco locale del centrodestra, Roberto Salati, e agli altri dirigenti locali della Lega: “Spetta ai reggiani decidere, però dopo 70 anni c’è veramente la possibilità di cambiare, anche a Reggio Emilia. Qua la sinistra ha sempre dato per scontato che Reggio e l’Emilia fossero cosa loro, adesso per i reggiani c’è la possibilità di cambiare. Sento tanta voglia di lega e di cambiamento”.

Continua Salvini: “Sarà una scelta amministrativa, qua c’è un sindaco che deve occuparsi come non ha fatto la sinistra in questi anni di case, scuole, strade, sicurezza, di bambini, di tasse comunali e di qualità della vita”.

Facebook Comments