Napoli, omicidio Rione villa: de Magistris chiede allo Stato più polizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46
Napoli, omicidio Rione villa: de Magistris chiede allo Stato più polizia
Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris (foto da: Facebook)

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commenta il grave fatto di cronaca avvenuto questa mattina al Rione Villa a San Giovanni a Teduccio, nei pressi di una scuola

Luigi de Magistris, il sindaco di Napoli, ha commentato la sparatoria con l’omicidio di un uomo avvenuto questa mattina a San Giovanni a Teduccio, nel Rione Villa.

Il grave fatto di cronaca, avvenuto nei pressi di una scuola, ha visto un uomo di 57 anni, Luigi Mignano, rimanere ucciso in un agguato, mentre il figlio Pasquale, di anni 32, è rimasto ferito alle gambe.

E’ un fatto gravissimo, – ha spiegato il sindaco – accaduto in un orario in cui i bambini e i ragazzi vanno a scuola, in cui la città si mette in movimento. Più volte abbiamo parlato nel Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica della situazione del Rione Villa e di San Giovanni. Devo dare atto alle forze di polizia della nostra città che hanno fatto cose importanti su San Giovanni, con un rafforzamento di controllo del territorio, ma la coperta è sempre quella”.

LEGGI ANCHE –> CASO CUCCHI, CONTE: “MINISTERO PRONTO A COSTITUIRSI PARTE CIVILE”

Napoli, de Magistris sull’omicidio al Rione Villa: “Basta parole, servono solamente fatti”

Arrivano dunque le parole del sindaco di Napoli Luigi de Magistris in merito al grave fatto di cronaca avvenuto questa mattina al Rione Villa, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio.

“Io continuo a chiedere – ha affermato il sindaco – in maniera forte un potenziamento delle forze di polizia. Il Ministro dell’Interno è venuto tre volte in città, promettendo più volte questo rafforzamento, che io non ho visto. Non vedo questo rafforzamento nei luoghi importanti, in cui c’è contrasto al crimine, come i commissariati e le caserme. Da un punto di vista della videosorveglianza devo constatare che passi in avanti sono stati fatti, perchè maggiori pezzi della città sono videosorvegliati, anche se si deve fare sempre di più.

Di fronte ad attentati di questo tipo la domanda che bisogna porsi è che bisogna fare allo Stato è quella di chiedere più forze di polizia, perchè il controllo del territorio è un compito esclusivo e precipuo dello Stato. Basta parole, servono solamente fatti. Bisogna concentrare la maggior parte delle forze di polizia sul controllo del territorio”, ha concluso il primo cittadino partenopeo.