Dominik Paris Streif
Con pendenze che sfiorano l’80%, la discesa libera della Streif è tra le più difficili della Coppa del Mondo

L’azzurro trionfa Dominik Paris domina la discesa libera della Streif davanti a 60.000 persone: secondo Beat Feuz, terzo Otmar Striedinger.

L’Italia conquista la Streif. Dominik Paris ottiene il terzo successo sulla ‘pista delle piste. L’azzurro trionfa nella discesa libera, spostata al venerdì, e torna sul gradino più alto del podio in stagione dopo le due vittorie a Bormio. L’azzurro domina una pista che tocca l’80% di pendenza, che schiaccia gli atleti in una compressione continua e li porta dentro una centrifuga a 140 km/h. Paris commette alcuni errori ma la sua sciata è estremamente efficace. Ad ogni intermedio incrementa il vantaggio e chiude sul traguardo con 20 centesimi sul secondo classificato Beat Feuz. Bene anche Christof Innerhofer. Purnon riescendo a tenere il passo del suo connazionale, Innerhofer ottiene un ottimo quarto posto a pochi centesimi dal terzo classificato Striedinger.

Coppa del mondo di sci: gare modificate per il maltempo

Nella giornata di ieri, le cattive previsioni per sabato hanno indotto ad anticipare al venerdì la discesa libera della Streif, valevole per la Coppa del Mondo di Sci. Lo hanno deciso gli organizzatori alla luce delle previsioni meteorologiche che prevedono nevicate miste a pioggia per tutta la giornata di sabato. Il super-G, originariamente in programma oggi, è invece slittato di due giorni passando dal venerdì alla domenica. «E’ il solo modo per avere una chance di fare tutte e tre le gare» spiega Markus Waldner, direttore di gara della Coppa maschile. Nove volte, in passato, la discesa sulla Streif si era disputata il venerdì. L’ultima risale al 1995.

LEGGI ANCHE —> SCI, COPPA DEL MONDO FA TAPPA A CORTINA D’AMPEZZO

 

 

 

Facebook Comments