Capodanno 2019: il resoconto dei feriti in Italia

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Fuochi D'Artificio Capodanno
Spettacolo di fuochi d’artificio

Il Viminale pubblica un resoconto dei feriti di questo Capodanno in Italia. Quasi tutte le città italiane hanno ignorato il divieto di utilizzare petardi. 

216 feriti, 13 dei quali in gravi condizioni. E’ il resoconto del Viminale che pubblica questi dati. Il divieto di utilizzare botti e petardi, sancito da quasi tutte le città italiane, è stato abbondantemente ignorato. Inoltre, i dati degli arresti in tutta Italia risultano in aumento: 45 rispetto ai 30 del 2018. È calato invece il numero dei denunciati: 200 rispetto a 242. I sequestri hanno riguardato, tra le altre cose, 579 strumenti lanciarazzi, 56 armi comuni da sparo, 76.101 munizioni, 7.229 kg di polvere da sparo, 349.386 parti di articoli pirotecnici di varia natura. I feriti, rispetto gli scorsi anni pare siano aumentati. Nel 2016 i feriti erano circa  190 e nel 2017, invece, 180. Quest’anno il numero è salito a 216 fortunatamente senza decessi. Anche il numero di interventi dei vigili del fuoco nella notte di Capodanno è aumentato rispetto allo scorso anno. Sono stati 658 contro i 519 del 2018.

Capodanno 2019: i casi gravi in Italia

Il primo incidente grave in Italia è accaduto a Napoli poco prima della mezzanotte. Un giovane ha perso due dita di una mano e ha riportato profonde ferite alle gambe. Sempre in Campania, questa volta nel Beneventano, una donna di 37 anni dopo essere stata colpita in pieno petto da un razzo è stata trasportata di urgenza all’ospedale. La donna di Sant’Agata dei Goti è attualmente in gravi condizioni. A Cesate, nel Milanese, un giovane di 23 anni è rimasto ferito gravemente poco dopo la mezzanotte per l’esplosione di un grosso petardo che gli sarebbe scoppiato tra le mani dilaniandogli la destra e compromettendo seriamente anche la sinistra. In totale, a Cesate, in quattro hanno perso la mano. Tra Palermo e Catania si contano dieci feriti. Il caso più grave a Catania, dove a un uomo di 43 anni i medici dell’ospedale Garibaldi hanno amputato la mano destra, per lo scoppio di una bomba carta nel quartiere Librino.